Ti trovi in: Home  » 
News  » 

LA TERAPIA DELLE MALATTIE EMATOLOGICHE DELL'ANZIANO DOPO IL 2000

dalle conoscenza biologiche alla qualita' della vita

ROMA, 25 NOVEMBRE 2014

ROMA EVENTI FONTANA DI TREVI - Sala Carducci

Piazza della Pilotta 4

.

.

Il progresso delle conoscenze biologiche, la disponibilità di nuovi farmaci specifici ed uno sviluppo importante delle terapie di supporto hanno notevolmente modificato il trattamento dei pazienti ematologici in questi ultimi venti anni.

La guarigione costituisce, oggi, un ragionevole obiettivo per un numero sempre più grande di pazienti, ma la maggior parte di essi può contare su un miglioramento della durata e della qualità della vita, conseguente al rallentamento dell’evoluzione della malattia e al controllo dei sintomi e, quindi, dell’inabilità.

Se si considera come principale finalità della geriatria la “Compression of morbidity”, con il ritardo della malattia e del declino funzionale fino agli ultimi giorni di vita, sicuramente i sempre più numerosi pazienti anziani affetti da malattie del sangue possono utilizzare terapie efficaci e personalizzate, concordate con il geriatra momento per momento.

La scelta degli argomenti di interesse ematologico da approfondire in questo corso è stata suggerita dal più frequente riscontro nell’età avanzata di alcune patologie ematologiche e dall’evoluzione del trattamento, per molte di esse, conseguente alla migliore conoscenza dei meccanismi patogenetici e all’utilizzo dei nuovi farmaci.